Atto costitutivo

L’associazione non ha fini di lucro, agisce ad opera secondo i dettami del codice del Consumo e della normativa vigente con finalità di solidarietà sociale nel campo della tutela dei diritti civili e degli interessi dei consumatori e degli utenti con divieto di svolgere attività diverse.

ATIC (Associazione Tutela Imprese e Consumatori) è un organismo democratico e partecipativo che persegue come obiettivo la solidarietà sociale.

L’associazione ha lo scopo di svolgere attività di utilità sociale a favore dei consumatori e degli utenti, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto della libertà e della dignità, ispirandosi a principi di democrazia e di uguaglianza dei diritti di tutti gli associati.

 

In modo particolare l’associazione agisce per:

  • la protezione del consumatore e dell’utente contro i rischi che possono nuocere agli interessi economici propri e della società;
  • lo sviluppo di iniziative volte all’informazione, educazione e formazione del consumatore e dell’utente, orientate alla costruzione di un rapporto socio-economico paritario sia con la produzione, sia con la distribuzione;
  • la promozione e lo sviluppo dell’associazionismo fra i consumatori e gli utenti, al fine di garantire ad ognuno la partecipazione ai benefici della vita associativa;
  • la partecipazione democratica di singoli o di gruppi che contribuisca alla crescita del movimento per la difesa dei diritti di libertà di opinione, di espressione e di informazione degli utenti e dei consumatori;
  • operare nel settore del risparmio e dell’efficienza energetica per promuovere e sensibilizzare la cultura dell’energia mediante lo studio, lo sviluppo, la ricerca e l’applicazione pratica per un utilizzo razionale di ogni risorsa adottando soluzione tecniche mirate all’ottimizzazione delle risorse energetiche;
  • promuovere gruppi d’acquisto, stipulare accordi e convenzioni che consentano concreti risparmi per gli associati;
  • promuovere osservatori per rilevare la qualità, i prezzi e le tariffe dei beni e dei servizi;
  • promuovere una cultura conciliativa per la risoluzione delle controversie;
  • contribuire a riequilibrare la posizione di debolezza contrattuale ed economica del consumatore  e a rimuovere gli ostacoli posti alla libera concorrenza;
  • proporre la realizzazione di strutture, lo sviluppo delle energie rinnovabili e alternative, di provvedimenti e politiche che possano facilitare la diffusione della cultura del risparmio e dell’efficienza energetica;
  • proporre provvedimenti normativi al fine di migliorare, semplificare e armonizzare ogni dato concernente la quantificazione dei consumi e dei costi dell’energia proveniente da fonti rinnovabili; altresì promuovere iniziative per l’indizione di referendum abrogativi o consultivi;
  • organizzare convegni, forum, blog, siti internet e ogni altro mezzo di formazione multimediale; corsi, attività di formazione professionale, culturale e progetti educativi nelle scuole; essere quindi parte attiva nella formazione in materia di risparmio e ottimizzazione delle risorse energetiche verso i cittadini, gli enti pubblici e privati, le associazioni di categoria, i gruppi d’acquisto e comunque verso un pubblico sempre più vasto, per favorire la divulgazione, l’informazione e la conoscenza del risparmio energetico nel rispetto degli scopo dell’associazione;
  • Promuovere ed elaborare ricerche e studi, piani di fattibilità e progetti con particolare riferimento alle fonti energetiche rinnovabili e alternative (fotovoltaico, eolico, biomasse, ecc..) autonomamente o su incarico di enti pubblici e organismi privati;
  • ricercare e ottenere, sui mercati dell’energia, le migliori condizioni economiche conseguibili, al fine dell’acquisto, per i fabbisogni energetici nell’interesse degli associati propri e di associazioni collegate; ricercare altresì ogni possibile agevolazione, in favore degli associati, in quanto collegate alle finalità istituzionali;
  • pubblicare periodicamente notizie e informazioni sull’energia e sulle attività di ATIC, anche sotto forma di rivista dedicata;
  • cooperare attraverso forme di gemellaggio, collaborazione e affiliazioni con altre associazioni, enti, movimenti, etc… site sia Italia che all’estero con la possibilità di aprire anche sedi secondarie nazionali e regionali;
  • provvedere alla creazione o alla registrazione dei propri segni, marchi, tabelle e quanto altro possa distinguere l’associazione stessa verso i terzi. Per un migliore raggiungimento degli scopi sociali, l’associazione potrà possedere, gestire, prendere e/o dare attrezzature in locazione mobili e immobili, fare contratti o accordi con altre associazioni e/o terzi in genere, nonché richiedere contributi e ricevere partenariato da enti o associazioni di qualsiasi natura, internazionali, statali (regionali o locali), nel rispetto dei fini statutari e delle disposizioni legislative vigenti e di futura emanazione.